Questo sito utilizza i cookies per migliorare le sue prestazioni e migliorare le funzionalità.
Se non ne consentite l'uso alcune funzioni del sito potrebbero non essere attive o avere le medesime prestazioni.
Maggiori informazioni sui cookies sono nella Privacy Policy.

sabato 7 ottobre 2017

Torna sul ring Samuel Nmomah, un esempio di integrazione.

Sabato 7 ottobre, al teatro Principe di Milano tornerà sul ring il promettente peso superwelter Samuel Nmomah. Affronterà il serbo Predrag Cvetkovic (3-7) sulla distanza delle sei riprese nel corso della ventesima manifestazione organizzata dalla Principe Boxing Events e dalla Opi Since 82 alla quale seguirà un party della rivista Playboy Italia.

Dopo una discreta attività dilettantistica, Samuel ha vinto i tre incontri professionistici disputati (tutti sul ring di Viale Bligny 52) e si sta allenando presso la palestra milanese Opi Gym (in Corso di Porta Romana 116-A) per ottenere la quarta vittoria consecutiva.

Il presidente della Principe Boxing Events Alessandro Cherchi è ottimista riguardo ai risultati che può ottenere Samuel: “Ho ingaggiato Samuel perché ho visto in lui determinate caratteristiche: ha un fisico notevole, un buon colpo d’occhio, una discreta potenza, rapidità negli spostamenti e nel tirare combinazioni ed ha tanta voglia di lavorare. Lo dimostra facendo due ore di treno ogni giorno (Novara-Milano-Novara) per venire alla Opi Gym dove si allena diretto da mio zio Franco Cherchi che gli sta insegnando la differenza di impostazione tra la boxe dilettantistica e quella professionistica. Sono sicuro che Samuel adatterà il suo stile alle esigenze della boxe professionistica. Da questo mese, oltre ad allenarsi, lavora come istruttore dei bambini dai 6 ai 13 anni. Insegna la cosiddetta boxe educativa: i bambini imparano la tecnica pugilistica ed a stare insieme senza il rischio di farsi male perché è vietato il contatto fisico.

Nato in Nigeria il 24 febbraio 1997, Samuel vive in Italia da molti anni ed è un esempio di integrazione. Come ha fatto ad integrarsi perfettamente nella società italiana? Ce lo spiega lui stesso: “Fin da quando sono arrivato in Italia, ho desiderato integrarmi ed ho lavorato in questa direzione. Ho imparato subito l’italiano frequentando gli italiani dentro e fuori dalla palestra. Questo è fondamentale per integrarsi perché molti nigeriani frequentano solo altri nigeriani e non imparano la lingua, gli usi e costumi locali. Mi ha aiutato molto il maestro di pugilato Marco Crestani che io considero un secondo padre. E’ stato lui a notarmi mentre passeggiavo e mi ha detto: ‘Con un fisico così imponente, devi fare la boxe’. In Nigeria, il mio sport era il calcio e desideravo diventare un calciatore professionista. Dopo aver conosciuto il maestro, non sono andato subito all’ASD Novara Boxe. Quando mi ha rivisto per strada, il maestro mi ha detto ‘Perché non sei venuto?’ Allora sono andato in palestra e dopo il primo allenamento mi sono innamorato della boxe. Quando il maestro mi ha ritenuto pronto, ho iniziato l’attività dilettantistica. In poco più di tre anni, ho disputato 31 incontri con un bilancio di 23 vittorie, 6 sconfitte e 2 pareggi. La boxe mi ha aiutato molto ad integrarmi, come pure la scuola. Ho frequentato le medie e le superiori, ma non mi sono ancora diplomato. Ho intenzione di farlo al più presto. In questo momento, sono felice di dedicare tutto il mio tempo alla boxe professionistica, come pugile ed istruttore.”

La voglia di emergere di Samuel lo ha portato anche ad essere protagonista di due video, uno prodotto da una grande azienda di moda, l’altro da una popolare coppia di deejay: Samuel ha girato un video pubblicitario per Philipp Plein, una fashion brand di lusso di fama mondiale che produce abbigliamento e che ha sponsorizzato Floyd Mayweather nel match contro Connor McGregor. Inoltre, Samuel è il protagonista di “Invisible”, che ha superato le 711.000 visualizzazioni su You Tube e che è stato realizzato dai deejay milanesi Merk & Kremont.

Maxim Prodan: "Sabato prossimo al Principe sarò al top"

L’imbattuto artista del knock out Maxim Prodan (10 vittorie, tutte prima del limite, e 1 pari) tornerà sul ring nel clou della ventesima manifestazione organizzata dalla Principe Boxing Events al teatro Principe di Milano. Affronterà il serbo Sasa Janic (7-16) sulla distanza delle 8 riprese. Maxim Prodan ha solo 24 anni, combatte fra i pesi welter e fa parte della nuova generazione di pugili che la Principe Boxing Events vuole proporre agli appassionati e far crescere agonisticamente nella convinzione che saranno i campioni del futuro. Per questo, l’evento del 7 ottobre è denominato “Tomorrow’s champions”. Maxim Prodan è fiducioso riguardo all’esito del match: “Sto bene fisicamente ed ho lavorato molto alla Opi Gym di Milano con il maestro Franco Cherchi,. Insomma, sono al top. Sono sicuro di vincere sabato prossimo contro Sasa Janic”. L’ultimo match di Maxim Prodan (contro Manuel Largacha) ha entusiasmato il pubblico per la spettacolarità degli scambi ed il sostanziale equilibrio. Infatti, i giudici hanno decretato il pari. E’ stata una battaglia alla quale Prodan non era abituato, avendo spedito al tappeto i precedenti avversari. Ma sono proprio queste battaglie che evidenziano i punti su cui il pugile deve lavorare, come spiega l’allenatore Franco Cherchi: “Contro Largacha, Maxim sferrava un paio di pugni e poi stava fermo subendo la reazione dell’avversario. Invece, avrebbe dovuto insistere o allontanarsi con dei movimenti laterali, avrebbe dovuto muovere il tronco per diventare un bersaglio difficile da colpire. Su questo abbiamo lavorato tanto in palestra. Adesso Maxim ha capito che portare a segno due ganci non serve se poi ne prende altrettanti. Inoltre, Maxim ha sempre avuto l’abitudine di colpire da lontano con dei larghi ganci ai fianchi che l’avversario vede arrivare. E’ molto più efficace portarsi alla corta distanza e colpire il bersaglio grosso con dei corti e rapidi ganci e montanti. Sembrano pugni poco potenti, ma in realtà sono quelli che fanno più male.”

La manifestazione del 7 ottobre inizierà alle 19.00. In apertura gli spettatori potranno assistere ad alcuni combattimenti fra pugili dilettanti della palestra Opi Gym contro dei pari livello provenienti da altre palestre lombarde.

 

Questi gli altri incontri:

- pesi superleggeri, 6 riprese: Donatello Perrulli (1-0, 22 anni) contro Lorenzo Calì (6 sconfitte e 2 pareggi 26 anni).

- Pesi leggeri, 6 riprese: Alex D’Amato (3 vittore e 2 sconfitte, 26 anni) contro Osvaldo Gagliardi (1 vittoria, 2 sconfitte e 2 pareggi, 28 anni).

- Pesi superwelter, 6 riprese: Samuel Nmomah (3-0, 20 anni) contro Predrag Cvetkovic (3-7).

- Pesi superwelter, 6 riprese: Nicholas Esposito (4-0, 23 anni) contro Sladjan Dragisic (3-6).

 

I biglietti costano 30 euro (sedia Vip) e 20 euro (balconata) e sono disponibili presso la Opi Gym (telefono 02-89452029), sul sito www.opisince82.com cliccando sulla pagina events/tickets oppure si possono prenotare scrivendo una e-mail alla opigym@gmail.com.

 

Comunicato stampa del 14/09/17 - OPI GYM since 1982

       

Top